Disturbo dell'attenzione, via libera alla stimolazione elettrica sui bambini - Amici dei Disabili Onlus

Consulta Handicap Provincia di Imperia
Presidenza Consulta ASL1 Liguria
Iscritto all'Albo Uniche delle Onlus - Prot. 2013/14512
C.F 90080220081
Vai ai contenuti

Disturbo dell'attenzione, via libera alla stimolazione elettrica sui bambini

Chi Siamo > Focus Archiviazione
Approvato il primo dispositivo che aiuta i pazienti tra i 7 e 12 anni di età con disturbo da deficit di attenzione e iperattività: è il primo trattamento non farmacologico a disposizione e funziona stimolando elettricamente il cervello, aiutando a ridurre i sintomi di questa condizione. Vediamo come funziona.

La Food and Drug Administration degli Stati Uniti ha autorizzato la commercializzazione del primo dispositivo medico per il trattamento del disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD) che si basa sulla stimolazione elettrica del nervo trigemino. Vediamo insieme esattamente come funziona il dispositivo Monarch external Trigeminal Nerve Stimulation (eTNS) System, quali effetti ha e per quali bambini è indicato.
Monarch external Trigeminal Nerve Stimulation (eTNS) System, cos’è.

Il Trigeminal Nerve Stimulation (eTNS) System, il primo trattamento non farmacologico per l'ADHD rilasciato FDA, è un dispositivo che può essere utilizzato a casa sotto la supervisione di un operatore sanitario. Il dispositivo cellulare genera un impulso elettrico di basso livello e si collega tramite un filo a un piccolo cerotto che aderisce alla fronte del paziente, appena sopra le sopracciglia, la sensazione che provoca è simile ad un formicolio sulla pelle. Questo sistema eroga la stimolazione elettrica a basso livello al nervo trigemino, che invia segnali terapeutici alle parti del cervello che si pensa siano coinvolte nell'ADHD. Mentre l'esatto meccanismo di eTNS non è ancora noto, gli studi di neuro-imaging hanno dimostrato che l'eTNS aumenta l'attività nelle regioni del cervello responsabili dell’attenzione, delle emozioni e del comportamento. Il dispositivo è pensato per pazienti di età compresa tra 7 e 12 anni che non stanno attualmente assumendo i farmaci di solito prescritti per l’ADHD.

I test effettuati. I test effettuati sul dispositivo, che ne hanno permesso la messa in commercio, hanno dimostrato grandi vantaggi. Sui bambini sul quale è stato sperimentato infatti ha portato ad una diminuzione dei sintomi tipici del disturbo.

Effetti collaterali. Gli effetti collaterali registrati sono sonnolenza, aumento dell'appetito, disturbi del sonno, mal di testa e stanchezza.

Nessun effetto avverso grave è stato associato all'uso del dispositivo.

Sede Legale
Via Nappio 47 - 18039 Ventimiglia
Cellulare 331 400 4144
Nappio Interactive Media - All Rights Reserved
info@amicideidisabilionlus.it
Torna ai contenuti